spot_img
spot_img

Perché c’è grande attesa per il match tra Schwartzman e Medvedev
P

Tra le quattro partite che definiranno i semifinalisti del Masters 1000 di Parigi-Bercy ce n’è una che merita un surplus di attenzione, non solo per l’altissima caratura tecnica dei protagonisti, ma soprattutto per una storia che coinvolge i due tennisti in questione e che si trascina da quasi un anno.

Stiamo parlando di Daniil Medvedev, numero 6 del mondo, e Diego Schwartzman, numero 9 del mondo. Due stagioni molto diverse, in questo 2020 per loro, cominciate però con un torneo in cui i rapporti tra i due si sono deteriorati pesantemente. Parliamo dell’Atp Cup 2020, disputata in Australia ad inizio gennaio di quest’anno.

Di fronte Argentina e Russia, nel match decisivo Schwartzman contro Medvedev, che prima di quella partita avevano un ottimo rapporto e si allenavano spesso insieme. Vince il russo, ma Diego la prende malissimo. Perché? Semplice, perché Medvedev sul campo dà il peggio di sé, esultando a squarciagola per ogni errore dell’avversario, compreso un doppio fallo.

Da quel giorno tutto cambia. Addirittura il coach russo Marat Safin prova a scusarsi, ma non c’è nulla da fare. “Se lo vedo, non lo saluto neanche più“, dirà qualche mese dopo Schwartzman. Negli ultimi giorni Medvedev ha provato timidamente a ricucire, provando a giustificare i suoi comportamenti dando la colpa alla tensione del momento.

Oggi si ritroveranno di fronte sul campo di Parigi-Bercy e forse succederà anche in quel di Londra, dove entrambi prenderanno parte alle Atp Finals (per Schwartzman è la prima volta).

https://www.tennisfever.it/2020/10/23/10-migliori-scarpe-da-tennis-recensione-prezzi/

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
Punteggio utente captcha non riuscito. Ci contatti per favore!

Articoli correlati

spot_img