Dice bene Barazzutti, sono le macchine mentali a diventare campioni

0

La testa. È la testa che fa la differenza. Il grande Corrado Barazzutti, che troppo spesso si innervosiva – noi ricordiamo un urlo in romanesco (“E chi sei, Mandrake?”) in un lontanissimissimo incontro di Davis perché l’avversario aveva osato tentare di prendere un dritto dei suoi -, Barazzutti dicevamo, ci ha ricordato una verità che forse si trascura troppo: nel tennis la testa, la capacità cioè di stare dentro “quel” match, è l’arma decisiva.

Non si tratta di semplice concentrazione. È come un fluido che ti consente o non ti consente di avere tutta la partita nel cervello. Ci sono stati grandissimi campioni, tecnicamente fortissimi, che andavano via di testa: è capitato a quasi tutti. Persino un uomo di ghiaccio come Bjorn Borg, che non abbiamo mai amato, aveva delle pause che poi riusciva a compensare con la sua forza tecnica. Capitavano dei vuoti agli “estrosi” – al divino McEnroe, a Nastase, allo stesso Panatta, ma non a Jimmy Connors che fino a 40 anni ha lottato su tutte le palle.

Tra i tre giganti del nostro tempo, i due impressionanti da questo punto di vista sono Nole Djokovic e secondo noi ancor di più Rafa Nadal, il campione più meraviglioso che abbiamo visto nella nostra vita accanto a Roger Federer, John McEnroe, Pete Sampras e Rod Laver (abbiamo una certa età…).

Dei nostri splendidi giovani, Jannick Sinner ci pare quello con più capacità di stare nel match (c’è chi vi vede una somiglianza con Ivan Lendl) e dunque è quello che potrebbe avere più chances per ascendere nell’Olimpo dei grandissimi. A Parigi il carissimo Lorenzo Musetti non poteva reggere a cospetto del cervello pazzesco di Djokovic, e ha un po’ discutibilmente abbandonato il campo. 

Vedrete che nella fase finale del Roland Garros la testa sarà decisiva. Soprattutto nella semifinale (per noi la vera finale) tra i due grandi, ancora una volta Rafa contro Nole. Due “teste” fuori dal comune, due macchine mentali oltre che artisti della racchetta in grado, condivido i grandi scacchisti, di prevedere le mosse dell’avversario quasi all’infinito.

Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che gravita intorno al mondo del tennis, seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram, registrati al nostro canale Telegram o iscriviti a Manic Monday, la newsletter settimanale di Tennis Fever. È tutto gratis e… ne vale la pena!

>>> Guida: Le migliori 10 racchette del 2021, per ogni livello ed età

Share.

Leave A Reply