La storia di Giorgia Marchetti: dal tennis al padel, per trovare la serenità

0

Esistono storie e storie. Alcune di queste seguono un percorso lineare che porta direttamente alla gloria del successo, altre si sviluppano lungo un sentiero travagliato, fatto di sofferenza e momenti di difficoltà. Non sempre c’è un lieto fine, ma stavolta sicuramente sì. Già, perché quella di Giorgia Marchetti si può definire una favola a tutti gli effetti. L’ha raccontata Supertennis e noi ve la riportiamo con grande piacere.

LA STORIA DI GIORGIA MARCHETTI: DAL TENNIS AL PADEL, DALLO STRESS ALLA SERENITÀ

“Il padel mi ha restituito la gioia di competere. Negli ultimi periodi il tennis era diventato stressante: per tutta la mia carriera mi sono portata appresso dei fantasmi che non riuscivo a scacciare, e non sopportavo più certe situazioni. Come i viaggi: erano diventati una routine, ma non mi sentivo più a mio agio”.

Giorgia Marchetti, romana classe 1995, dopo un buon (ma burrascoso) passato nel tennis, ha deciso di passare padel, sport nel quale al primo appuntamento in assoluto è andata a soli due punti dal Cuadro Final. Poi, alla terza apparizione internazionale della sua vita ha vinto il titolo. La Wta è ormai un lontano ricordo per la ventiseienne, la aspettano i record in questo nuovo mondo.

Una rinascita sportiva e umana, come riferisce la diretta interessata:

“Quando giocavo a tennis mi lasciavo abbattere da determinate situazioni e non riuscivo a venirne fuori, ora non più. È come se avessi ripulito la mente dai pensieri negativi, e adesso in campo riesco davvero a mettere tutta me stessa. Con molta più serenità. Il padel l’avevo sempre visto come un divertimento, e dopo l’addio al tennis è stata inizialmente una valvola di sfogo, per non abbandonare completamente la competizione. Ma mi ci sono appassionata sempre di più, divertendomi e ritrovando le motivazioni. Sono ancora, e sento di aver ancora tanto da dare. Penso di essere portata per il padel: scherzando, in passato ho detto spesso che mi sarebbe piaciuto trovare uno sport che mi permettesse di giocare quasi solamente a rete, la zona del campo dove mi sono sempre trovata meglio. Il padel può esserlo. Ho ancora grandi margini di miglioramento, quindi mi sto allenando moltissimo, con grande entusiasmo e la professionalità ereditata da tanti anni di tennis. Credo che il mio percorso sia figlio di un mix fra un pizzico di fortuna e una certa predisposizione per la disciplina”.

IL TUFFO DI GIORGIA NEL PADEL: L’INSEGNAMENTO, I TORNEI E LA CHIAMATA DI PAPPACENA

L’esordio nel mondo del padel è stato coi fiocchi, e Giorgia guarda già oltre:

“Dal prossimo anno mi dedicherò al padel anche dal punto di vista dell’insegnamento, ma la mia priorità rimarranno i tornei”.

E poi sulla chiamata della numero uno azzurra Chiara Pappacena, che le ha proposto di fare squadra:

“Per me è stata una sorpresa. Anche se io e Chiara siamo amiche fin da piccole, dai tempi dei tornei giovanili di tennis. In passato era emersa l’idea di giocare insieme, ma lo dicevamo soprattutto scherzando. Lei è già una giocatrice affermata: per lei giocare con me è come una scommessa, è come se si stia rimettendo in gioco da capo. Tuttavia, credo che oltre all’aspetto umano abbia visto in me una compagna con la quale poter crescere ad alto livello”.

E tutto sta andando nel verso giusto, dal momento che al debutto in coppia hanno vinto il FIP Star di Lecce, uno dei tornei internazionali più importanti del 2021. A tal proposito Marchetti aggiunge:

“Sapevamo di poter esprimere già un ottimo livello, ma da lì a vincere il titolo ce ne passa, anche perché c’erano numerose coppie forti e quando si cambia compagna serve del tempo per abituarsi a certe dinamiche. Vincere è stata una sorpresa: il nostro livello è cresciuto giorno dopo giorno, e siamo state davvero molto unite”.

A Las Rozas de Madrid, invece, al loro debutto in coppia nel World Padel Tour, l’impresa è stata solo sfiorata. Le due hanno superato il tabellone di Pre Previa, poi hanno sconfitto una coppia di spessore come Celeste Paz e Melania Merino, e contro le giovanissime Canovas/Velasco si sono arrese per 6-4 0-6 7-5, mancando per un soffio l’accesso al tabellone principale:

“Sul 5-5 al terzo set abbiamo perso due game di fila al punto de oro: vuol dire che è stata davvero questione di pochi attimi. Sicuramente ho pagato un po’ di inesperienza, ma sono comunque soddisfatta di come è andata. Da parte mia c’era parecchia pressione: sono una che vuole sempre il massimo, quindi sentivo il peso della responsabilità di giocare con una compagna come Chiara, abituata a vincere partite a quei livelli. Sono davvero felice di come ho saputo gestire le emozioni: abbiamo perso, ma per me questa prima esperienza nel World Padel Tour è stata come una rivincita dopo anni difficili”.

Dopo un inizio così, l’entusiasmo è ovviamente alle stelle e le aspettative per il futuro sono alte:

“Mi piacerebbe affermarmi ad alti livelli, e per questo sono pronta ad affrontare con Chiara una programmazione seria, giocando il più possibile a livello internazionale, per fare esperienza e salire nella classifica mondiale. Visti i risultati delle nostre prime uscite insieme, pensiamo di poterci togliere belle soddisfazioni”.

Che dire, in bocca al lupo Giorgia! Facci sentire ancora grandi cose di te!

Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che gravita intorno al mondo del tennis, seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram, registrati al nostro canale Telegram o iscriviti a Manic Monday, la newsletter settimanale di Tennis Fever. È tutto gratis e… ne vale la pena!

>>> Guida: Le cinque migliori racchette per giocare a padel

Share.

Leave A Reply