Il drammatico racconto della guerra di Dayana Yastremska

0

Dayana Yastremska ha voluto raccontare i momenti dei bombardamenti vissuti nella sua città prima di partire per Lione.

Mercoledì, eravamo a casa a Odessa.

Stavamo passando del tempo con la nostra famiglia prima di fare questo lungo viaggio a Lione con mio padre. La serata è stata piacevole, ma la mattina dopo siamo stati svegliati dalle bombe. Non ci siamo resi conto o abbiamo capito cosa stesse succedendo. È stato pazzesco.

Non era un film o un videogioco. Eravamo molto scioccati. Abbiamo lasciato l’appartamento per rifugiarci nel parcheggio sotterraneo mentre le bombe continuavano ad esplodere.

Il viaggio è durato quattro ore per raggiungere il Danubio al confine rumeno. Avevamo paura delle bombe o di incontrare i carri armati russi. C’era una lunga fila di auto al confine e abbiamo finito per camminare. È lì che abbiamo salutato i nostri genitori, perché nostra madre ha detto all’ultimo momento che sarebbe rimasta con papà.

Eravamo scioccati, ma allo stesso tempo non volevamo che nostro padre rimanesse lì da solo.

Ivanna ha iniziato a piangere e io ho dovuto tenere sotto controllo le mie emozioni perché mi sono presa una grande responsabilità. Mio padre ha detto ‘Non so come tutto questo finirà, ma dovete prendervi cura l’una dell’altra.

Dovete costruire la vostra nuova vita’“.

Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che gravita intorno al mondo del tennis, seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram, registrati al nostro canale Telegram o iscriviti a Manic Monday, la newsletter settimanale di Tennis Fever. È tutto gratis e… ne vale la pena!
Share.

Leave A Reply