US Open, Fognini prima domina poi si arrende a Nadal

0

Battere Rafael Nadal si prospettava una missione difficile, quasi impossibile. E infatti è finito al secondo turno il cammino di Fabio Fognini allo US Open 2022. Tuttavia l’azzurro, che resterà a New York per giocare il torneo di doppio assieme a Bolelli, per larghi tratti ha dato l’impressione di potercela fare, vincendo un set e sfiorando persino il doppio vantaggio. Ciò anche in virtù di un pessimo inizio di gara dello spagnolo. Quest’ultimo, però, alla fine ha imposto la sua legge come capita quasi sempre. Qualche rimpianto sì, ma nessun rimorso per il ligure.

US Open: Fognini illude, poi Nadal sale in cattedra

Nadal batte Fognini 2-6; 6-4; 6-2; 6-1 (2 h e 38 minuti)

L’inizio del match è stato tutto a marca italiana, con Fognini che ha mostrato un approccio veramente deciso. Nel terzo game, l’azzurro ha centrato il break sfruttando diversi imprecisioni di Nadal. Poi ha confermato l’allungo portandosi sul 3-1. In seguito, lo spagnolo è incappato in altri gravi errori (in particolare con il dritto), mentre il nostro Fabio ha continuato a giocare ad altissimo livello. Il tutto si è tradotto in un altro break dell’azzurro, il quale poi ha chiuso il parziale d’apertura con un netto 6-2.

Al rientro in campo, i primi cinque game sono stati contrassegnati da altrettanti break e tanti errori, soprattutto da parte dello spagnolo, apparso ancora sottotono. E così, nel sesto gioco, Fognini si è trovato avanti per 4-2. Successivamente, però, è iniziata la rimonta del ventidue volte campione slam, che vincendo quattro game consecutivi ha riportato la situazione in parità con un 6-4.

Dopodiché, Nadal è riuscito ad alzare il livello e ciò ha destabilizzato il giocatore nostrano, via via sempre più falloso e meno sicuro. Salito in cattedra, il maiorchino ha impiegato ben poco a completare la rimonta con un 6-2 6-1. Da segnalare un suo infortunio nel quarto set, quando sul 3-0 si è colpito involontariamente il naso con la racchetta rendendo necessario l’intervento dei medici per interrompere il sanguinamento.

Nadal: “Una delle peggiori partenze di sempre”

US Open, finalmente parla Nadal: dall’assenza di Djokovic al futuro dopo i Big3

Foto Atp Tour

Al termine della sfida, Nadal è intervenuto in conferenza stampa per commentare la sua prestazione, soffermandosi sulle difficoltà nelle fasi iniziali dell’incontro. Ecco le sue parole:

“Per più di un’ora e mezza non ho gareggiato. Probabilmente è stata una delle peggiori partenze di sempre. C’è stato un momento in cui stavo facendo così tanti disastri da non riuscire a fermarmi. Ma anche questo fa parte del gioco. Quando le cose si mettono male, l’importante è non disperarsi e fare le cose semplici. Devi rimanere umile, devi accettare le situazioni. Sono stato fortunato onestamente che Fabio abbia commesso tanti errori nel secondo set e poi sono riuscito a vincerlo. Poi le cose sono diventate un po’ più normali. Ma ovviamente non è stata una bella partita”.

>>> Dove vedere lo US Open 2022 in diretta TV e streaming

Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che gravita intorno al mondo del tennis, seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram, registrati al nostro canale Telegram o iscriviti a Manic Monday, la newsletter settimanale di Tennis Fever. È tutto gratis e… ne vale la pena!

Share.

Leave A Reply