Australian Open, Sinner lotta ma non basta. Avanti Tsitsipas

0

Abbiamo assistito a un confronto parecchio equilibrato, a differenza di quanto accadde nella passata edizione. Purtroppo, però, la sostanza è la stessa. Jannik Sinner è stato sconfitto da Stefanos Tsitsipas agli ottavi di finale dell’Australian Open 2023.

Decisiva la risolutezza del greco nei momenti cruciali, nonché la sua attitudine a sciorinare un tennis vario, che offre un ventaglio di soluzioni estremamente ampio quando si presenta la necessità di cambiare spartito. Bene l’azzurro, ma non abbastanza per la vittoria. A pesare sul suo bottino c’è la magrissima percentuale di palle break trasformate, il 15% (4 su 26). Un vero peccato. Perché, se quelle chance te le guadagni vuol dire che stai offrendo, nel complesso, una prestazione di altissimo livello.

AO 2023: Sinner lotta, ma non basta. Tsitsipas ai quarti

tsitsipas

Foto Twitter Australian Open

Ha impiegato più di quattro ore (4 h e 2 minuti) Tsitsipas per battere Sinner agli ottavi dell’Australian Open 2023: 6-4, 6-4, 3-6, 4-6; 6-3 il punteggio al termine dell’incontro. Ecco come è andata in sintesi.

La partita

Pronti e via, la partita si mette subito in salita per Sinner, che nel game inaugurale commette tre errori col dritto e manda Tsitsipas avanti di un break. Nel secondo gioco, è il greco a concedere qualcosa. L’azzurro, però non sfrutta ben quattro palle (tre consecutive) dell’immediato controbreak e vede l’ellenico allungare sul 2-0.

Nei successivi cinque game, entrambi i giocatori comandano i rispettivi turni di servizio senza difficoltà. Poi nell’ottavo Sinner sfodera una paio di risposte mozzafiato e, complice anche un doppio fallo di Tsitsipas, si porta sul 4-4.

La parità, tuttavia, non dura parecchio. Nel nono game, infatti, sotto 30-15, Tsitsipas si riaccende e trova due punti spettacolari. Altra palla break, altro sorpasso. La spallata consente al greco di chiudere il parziale d’apertura con un 6-4.

Alla ripesa, i primi due game scivolano via senza scossoni. Al contrario, nel terzo e nel quarto va in scena uno scambio di battute, con Sinner che agguanta l’avversario sul 2-2 reagendo perentoriamente al break appena incassato.

Come nel primo set, però, il Tsitsipas si dimostra superiore nel momento cruciale. Alla fine, chiude con un altro 6-4 maturato in virtù del break centrato (a zero) nel nono gioco.

 

All’inizio del terzo atto, tutta l’inerzia della sfida sembra pendere dalla parte del numero quattro al mondo. Impressione prontamente smentita dai fatti, visto che Sinner si rende protagonista di un poderoso colpi di reni.

L’altoatesino tiene il servizio in apertura passando per i vantaggi. Mentre nel secondo gioco mette pressione al greco, finendo per guadagnarsi ben quattro chance di break. Anche stavolta non riesce a concretizzare, ma il suo atteggiamento è il preludio di un qualcosa di importante.

Pochi minuti dopo, infatti, Jannik centra il break che gli vale il 3-1 (alla terza occasione), e in seguito conferma l’allungo portandosi sul 4-1. Nel farlo, annulla anche una palla break. Poi, senza tentennare, dimezza il ritardo nel computo dei set conquistati chiudendo con un 6-3.

Nel quarto parziale, il ventunenne di San Candido dà seguito alla sua straordinaria reazione mostrandosi solido e concentrato, nonché sciolto nelle giocate. Piazza il break nel terzo game e nel quinto e nel settimo va molto vicino al doppio vantaggio (6 palle break non sfruttate in totale). Al termine della frazione, il tabellino recita 6-4 Sinner. Situazione di completa parità.

L’atto finale

Nell’atto finale il confronto diventa ancora più teso e tirato, come normale che sia considerata la posta in palio. Tsitsipas, sin da subito, dimostra di aver ben incassato il doppio-colpo e torna ad esprimersi ai suoi livelli. Sinner, invece, incontra non poche difficoltà al servizio. Si salva nel quarto game, quando annulla al greco tre palle break di fila. Ma il suo capitolare è solo rimandato. La zampata decisiva del greco arriva nel sesto gioco, alla terza delle tre occasioni di file concessegli dall’azzurro. Quest’ultimo non riesce più a rientrare. Con un 6-3, Tsitsipas stacca il pass per i quarti di finale dell’Happy Slam.

>> Dove vedere l’Australian Open 2023 in TV e streaming

>> I dieci migliori grip per le vostre racchette

Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che gravita intorno al mondo del tennis, seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram, registrati al nostro canale Telegram o iscriviti a Manic Monday, la newsletter settimanale di Tennis Fever. È tutto gratis e… ne vale la pena!

 

Share.

Leave A Reply