Non è la Coppa Davis dell’Italia. Ma ora, per favore, niente processi

0

Si pensava, oggettivamente, ad un esito diverso per questa Coppa Davis 2019, vista con i filtri dei colori azzurri. E invece, dopo due partite perse su due giocate, l’amarezza è tanta. Dopo il Canada, cediamo anche con gli USA. Non basta la vittoria di Fognini contro Opelka. Prima arriva il crollo (soprattutto fisico) di Berrettini contro Fritz, poi la sconfitta del doppio (giocato fino alle 4.05 del mattina) a decretare l’eliminazione.

Difficile capire cosa non abbiamo funzionato. Probabilmente niente in particolare. Il tennis è così. Un giorno dà, un giorno prende. Difficile anche rimproverare qualcosa a questi ragazzi, che dopo una stagione massacrante hanno dato l’anima e forse anche di più per la nazionale, come abbiamo visto plasticamente da quel labiale “non ce la faccio più” pronunciato da uno stremato Berrettini verso la panchina, mentre non riusciva più sostanzialmente a muoversi nel terzo set perso contro Taylor Fritz.

Certo, se Fognini non avesse sbagliato la prima partita contro Pospisil, probabilmente adesso staremmo parlando di un altro film. O anche se Matteo avesse vinto due tie-break su tre dell’equilibratissimo (e bellissimo) match contro Shapovalov. Forse Corrado Barazzutti, viste le condizioni fisiche del 23enne romano, avrebbe potuto preservarlo ed evitargli il doppio la prima sera. Forse, o forse no. Sicuramente è mancata anche un po’ di fortuna.

Sono tutte considerazioni molto facili da fare a posteriori. Ma questo sport è così, prendere o lasciare. E’ andata male, ma niente drammi, niente processi, niente caccia alle streghe. Il 2019 rimarrà una delle migliori stagioni di sempre del tennis italiano maschile, questo è un fatto. Sulla Coppa Davis c’erano grandi aspettative, è vero. Ma questa squadra ha nelle corde diversi anni di tennis ad alto livello. L’occasione di ripresenterà, statene certi.


Se ti è piaciuto l’articolo e vuoi sostenere il lavoro di Tennis Fever, metti un “Mi piace” alla nostra pagina Facebook. Non ti costa nulla!

Share.

Leave A Reply

Vuoi rimanere aggiornato?

Riceverai la nostra 

newsletter ogni settimana 

Iscriviti ora!

Grazie!