Musetti riparte alla grande: buona la prima a Rotterdam

0

Buona la prima per Lorenzo Musetti all’ATP 500 di Rotterdam: battuto Mikael Ymer in tre set. Ottima la prestazione del quasi ventenne toscano, apparso sempre in controllo del match nonostante due piccoli passaggi a vuoto nel secondo parziale. Il suo prossimo avversario sarà Hubert Hurkacz, quarta testa di serie del torneo e numero undici al mondo.

Il match: Musetti batte Ymer 6-3; 6-7; 6-3

Ha impiegato 2 ore e 42 minuti Lorenzo Musetti per battere Mikael Ymer al primo turno dell’ATP 500 di Rotterdam: 6-3; 6-7; 6-3 il risultato finale.

La partita – L’inizio del match è abbastanza combattuto, con entrambi i giocatori molto incisivi in risposta: dopo quattro game il tabellone recita 2-2 nonostante sette palle break (3 annullate da Ymer e 4 annullate da Musetti). Poi, l’azzurro sale in cattedra nel quinto gioco, quando riesce a strappare la battuta alla svedese alla terza possibilità: 6-3 il risultato con cui Muso chiude il parziale d’apertura.

Al rientro in campo, primo piccolo passaggio a vuoto di Musetti, che cede il servizio nel terzo game. Tuttavia, l’azzurro è molto bravo a recuperare subito lo svantaggio, controbreakkando Ymer nel quarto gioco. Successivamente, bellissima partita ma nessun lampo decisivo. Da segnalare due match point annullati al carrarino sul 5-4. Alla fine, il secondo parziale se lo prende Ymer al tiebreak per 7 punti a 4, sfruttando un altro piccolo black-out di Musetti (che era stato avanti di un minibreak).

Nell’atto decisivo della gara, Musetti breakka lo svedese nel primo game (grazie a un passante clamoroso e ad uno sprovveduto serve e volley di Ymer) ma non riesce a confermare il vantaggio in quello successivo (fatale un doppio fallo). Stesso copione nel quinto e nel sesto gioco: 3-3. Momento cruciale il settime game, in cui Musetti centra il break decisivo con un passante incrociato di rovescio semplicemente da urlo. Quindi, l’azzurro prima allunga sul 5-3 e poi mette fine alle ostilità con il settimo break personale: 6-3.

È stata una vera e propria prova di forza quella offerta dal giovane tennista nostrano: non era semplice vincere contro un avversario in gran forma come Ymer, che la settimana scorsa si è spinto fino in semifinale all’ATP 250 di Montpellier (battendo giocatori del calibro di Moutet, Monfils e Gasquet). Musetti incontrerà al prossimo turno dell’ATP 500 di Rotterdam il temibile polacco Hubert Hurkcaz, il quarto favorito alla vittoria finale del torneo.

Le statistiche del match di Musetti

Ace: 2
Doppi falli: 1
Percentuale prima di servizio: 64%
Percentuale punti prima di servizio: 68%
Percentuale punti seconda di servizio: 45%
Palle break salvate/concesse: 9/12
Punti vinti in risposta alla prima: 39%
Punti vinti in risposta alla seconda: 46%
Palle break vinte: 7/20
Punti vinti al servizio: 60%
Punti vinti in risposta: 48%

Le statistiche del match di Ymer

Ace: 3
Doppi falli: 7
Percentuale prima di servizio: 59%
Percentuale punti prima di servizio: 61%
Percentuale punti seconda di servizio: 40%
Palle break salvate/concesse: 13/20
Punti vinti in risposta alla prima: 32%
Punti vinti in risposta alla seconda: 52%
Palle break vinte: 3/12
Punti vinti al servizio: 52%
Punti vinti in risposta: 40%

Dove vedere l’ATP 500 di Rotterdam in tv e streaming

L’ATP 500 di Rotterdam si può seguire sul canale Sky Sport Uno (ch. 201 e 472-482 del d.d.t.); per gli abbonati di Sky tutti i match sono a disposizione tramite Sky Go anche sui dispositivi mobili come smartphone e tablet. La visione del torneo è possibile anche sull’app di Now TV previo abbonamento. Inoltre, l’ATP 500 di Rotterdam è visibile in diretta e in chiaro anche sul canale Supertennis, presente sul bouquet Sky al canale 212 del decoder e sul digitale terrestre al canale 64.

Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che gravita intorno al mondo del tennis, seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram, registrati al nostro canale Telegram o iscriviti a Manic Monday, la newsletter settimanale di Tennis Fever. È tutto gratis e… ne vale la pena!

Share.

Leave A Reply