L’Italia e la Coppa Davis: sette finali e un trionfo. Poi un lunghissimo digiuno

0

La bella vittoria contro gli Stati Uniti è valsa all’Italia il pass per la semifinale di Coppa Davis 2022, che la vedrà opposta al Canada di Auger-Aliassime e Shapovalov. Quello centrato dagli azzurri è un obiettivo che mancava dal 2014, quando Seppi batté Ward al tennis club di Napoli decretando il 3-2 complessivo sulla Gran Bretagna. Un risultato che all’epoca si attendeva da ben sedici anni. Ma quante volte, invece, la selezione nostrana è riuscita a spingersi in finale?

Coppa Davis, le sette finali raggiunte dall’Italia. E il trionfo…

panatta

Foto Twitter Davis Cup

  • Il trionfo del 1976

Impossibile dimenticare il 1976, l’anno del primo ed unico trionfo dell’Italia in Coppa Davis. Una delle pagine di sport più belle nella storia del nostro Paese. Fu scritta a Santiago del Cile da Adriano Panatta, Stefano Barazzutti, Paolo Bertolucci e Tonino Zugarelli, vittoriosi per 4-1 sui padroni di casa sudamericani. In precedenza i “Fab Four” nostrani avevano superato la Polonia e la Jugoslavia per 5-0, la Svezia per 4-0, la Gran Bretagna per 4-1 e l’Australia per 3-1.

Questo il tabellino complessivo dell’ultimo atto: Barazzutti b. Fillol 7-5 4-6 7-5 6-1; Panatta b. Cornejo 6-3 6-1 6-3; Panatta/Bertolucci b, Cornejo/Fillol 3-6 6-2 9-7 6-3; Panatta b. Fillol per 8-6 6-4 3-6 10-8; Prajoux b. Zugarelli per 6-4 6-4 6-2.

  • Finale 1928

Dalla nascita della competizione fino al 1971, in Coppa Davis è valsa la regola del Challenge Round che consentiva alla selezione campione in carica di giocare la finale dell’anno successivo contro la vincitrice della finale interzone. Il 1928 fu l’anno della prima finale interzone con protagonista l’Italia.

Gli azzurri non riuscirono ad imporsi, ma terminarono il torneo al terzo posto in virtù delle vittorie su Australia (4-1), Romania (4-0), India (4-1), Gran Bretagna (4-1) e Cecoslovacchia (3-2). Fatale la sconfitta per 4-1 con gli Stati Uniti.

  • Finale 1930

Il 1930 fu l’anno della seconda finale interzone. Reduce dai successi su Egitto (5-0), Austria (3-2), Australia (3-2) e Giappone (3-2), l’Italia si arrese ancora agli Stati Uniti (1-4). Curiosa la coincidenza che la sconfitta contro gli americani arrivò nella stessa città del 1928, cioè Parigi.

  • Finale 1949

Il 1949 è stato l’anno della terza finale interzone raggiunta dell’Italia. Il team nostrano approfittò della rinuncia della Turchia, poi ebbe la meglio su Sud Africa (4-1), Cile (4-1), Jugoslavia (4-1) e (Francia 3-2) prima di perdere contro l’Australia per 5-0.

  • Finale 1952

Nel 1952 arrivò la quarta finale interzone. Quell’anno l’Italia superò l’Egitto per 5-0, la Gran Bretagna per 4-1, la Danimarca per 4-1, il Belgio per 3-1 e l’India per 3-2. Poi capitolò ancora al cospetto degli Stati Uniti (0-5).

  • Finale 1955

Il 1955 è stato l’anno della quinta finale interzone. L’Italia superò Germania (5-0), Danimarca (5-0), Gran Bretagna (5-0) e Svezia (4-1). Nell’ultimo atto, però, incassò un altro pokerissimo, stavolta dall’Australia.

  • Finale 1958

Il 1958 è stato l’anno della penultima finale interzone agguantata dall’Italia. La squadra azzurra lasciò sul proprio cammino gli scalpi di India (3-2), Danimarca (5-0), Polonia (4-1), Gran Bretagna (4-1) e Filippine (5-0). Dunque si arrese inesorabilmente agli Stati Uniti, ancora 0-5.

  • Finale 1974

Il 1974 è stato l’anno della settima ed ultima finale interzone a cui ha preso parte l’Italia. Estromesse Svezia (3-2) e Romania (3-2), il sogno degli azzurri si infranse contro il Sud Africa (1-4).

>>> Coppa Davis. Italia-Usa: pronostico, programma, come seguirla in TV e streaming

Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che gravita intorno al mondo del tennis, seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram, registrati al nostro canale Telegram o iscriviti a Manic Monday, la newsletter settimanale di Tennis Fever. È tutto gratis e… ne vale la pena!

Share.

Leave A Reply